venerdì 28 marzo 2014

Incontri nelle frazioni: Ellera

 

Ellera, la porta di Fiesole verso Pontassieve, paese che, con la realizzazione della variante ha cambiato vita. Ma anche paese dove proprio la variante ha lasciato incompiute alcune opere come l’illuminazione pubblica che è molto scarsa, la pensilina alla fermata dei bus che non è ancora stata posizionata, la velocità molto elevata con cui le auto escono dalla rotonda e l’attraversamento pedonale che è problematico anche alle Falle, dove i cittadini dicono che attraversare davanti alla Chiesa è spesso “un terno al lotto” . Non sarà facile risolvere subito tutte queste problematiche, ma, la mia promessa è quella che prenderò a cuore  anche le piccole cose perché queste sono importanti per la vita in una frazione.
 
E’ stato un incontro pieno di idee, dove i cittadini sono venuti con proposte interessanti. E questo è proprio quello che voglio, visto che uno dei capisaldi del mio programma è proprio la partecipazione, quella vera, non quella proclamata a parole, ma dimenticata subito dopo. E’ per questo che prometto, e questo mi sento di farlo senza alcun timore, che la mia vicinanza alle piccole frazioni non si interromperà una volta arrivata a governare il Comune, ma anzi si intensificherà perché ci sarà bisogno di tutti per rimettere nella direzione giusta la macchina amministrativa.

martedì 25 marzo 2014

Incontri nelle frazioni: Girone


 
La voglia di partecipare della popolazione, la si trova a Girone dove l’incontro del 25 marzo è stato un grande successo con oltre cinquanta persone presenti. Anche considerando che cinque anni fa nello stesso posto ne vennero solo due. Probabilmente il merito va condiviso con i due ragazzi della zona che si sono candidati come consiglieri e che rappresentano le facce giovani, giuste e non quelle di falsi giovani  che in realtà sono solo la continuazione della vecchia politica, perché inquadrati nei diktat dei Partiti.
I cittadini hanno sollevato i grandi problemi del Girone, primo fra tutti la distruzione di una bellissima collina di ulivi per farci un mostro di cemento, che da sette anni aspetta di essere finito. Un cittadino presente, fra l’altro, ci dice che sulla collina in questione la Società Ferrovie dello Stato, dopo studi idro-geologici, aveva sconsigliato di costruire perché  è soggetta a movimenti franosi. Il Comune poi, come purtroppo avviene troppo spesso, non ha preso le dovute informazioni sulla ditta che andava lì a costruire e che avrebbe realizzato un progetto così importante e con un impatto così forte sulla frazione, con la conseguenza che dopo sette anni i lavori sono quasi fermi e i cittadini vicini hanno notevoli problemi sia  durante le piogge, quando si ritrovano acqua e fango in casa, sia per la mancata realizzazione di alcune opere di urbanizzazione. Infatti, come se non bastasse tutto il resto, l’Amministrazione ha accettato di rinnovare la convenzione con questi privati, posticipando la consegna di alcune opere di urbanizzazione  fra le quali il giardino pubblico, alla fine del cantiere.  Perché Sindaco e Giunta, hanno accettato tutto questo?

Siamo poi passati ad affrontare il problema della variante dell’Anchetta, per la quale i cittadini, come da prassi della precedente Amministrazione, non sono stati interpellati. Sicuramente c’è un tratto della via Aretina molto stretto che va messo in sicurezza, ma una striscia di asfalto così ampia, è molto invasiva. Perché non è stata pensata una soluzione diversa? Forse realizzare una sola corsia, lasciando la vecchia Aretina in direzione Pontassieve e la nuova strada in direzione Firenze, avrebbe avuto un minore impatto ambientale, sarebbe costata meno e avrebbe messo in sicurezza non solo l’abitato di Anchetta, ma anche i mezzi che entrano e escono dalla nuova strada.
 
Tanti altri problemi vengono affrontati e alla fine, questi problemi,  mischiati alla sensazione di abbandono lamentata sia dai cittadini che dall’Associazionismo locale, ci portano a dire che dobbiamo provare a cambiare tutto in questo Comune e fanno dire ad Anna che per farlo abbiamo bisogno di tutti, prima con il voto e poi con la partecipazione alla vita amministrativa.

venerdì 21 marzo 2014

Incontri nelle frazioni: Pian di San Bartolo


 
Il 21 marzo ho incontrato i cittadini di Pian di San Bartolo al Circolo ARCI. Persone interessate a capire cosa succede in Comune, cosa succede nell’Unione Fiesole-Vaglia, quali sono le prospettive future.
Sono cittadini attenti, cittadini che vogliono capire e, quindi, è l’occasione per me di parlare di un punto che mi interessa particolarmente e che è la trasparenza della macchina comunale. Dico loro che riteniamo che il miglior modo per far conoscere alla popolazione anziana, che non usa il computer le delibere comunali, sia rispolverare le vecchie bacheche, lasciate praticamente vuote dall’attuale Amministrazione e far pervenire a casa, con mezzi cartacei, le informazioni necessarie. Per i più esperti di computer invece, sarà nostro compito rivedere completamente il sito Internet del Comune, ora incomprensibile e di difficile decifrazione. Vogliamo renderlo semplice, facile da utilizzare e un sito dove le cose si trovano immediatamente senza inutili perdite di tempo: anche questa è trasparenza!

Abbiamo poi parlato del problema della struttura sportiva che il Circolo ARCI insieme alla Polisportiva hanno avuto in gestione fino a pochi mesi fa. Purtroppo i costi di gestione sono talmente ingenti che hanno costretto il Circolo a rinunciare all’area. Anche la Polisportiva ha rinunciato perché non ha più una squadra di calcetto e adesso il campo è diventato impraticabile. Il Comune deve decidere una nuova destinazione: è un problema da affrontare e da risolvere, visto che qui sono stati spesi tanti soldi e per la soluzione non potremo prescindere da una forte collaborazione con l’Associazionismo locale.
Pian di San Bartolo, frazione divisa in quattro Comuni, è oggi un “paese di frontiera”. Dovremo fare tutto quello che è nella nostra capacità e nella nostra competenza per farlo sentire parte integrante di quella comunità fiesolana tutta da ricostruire!

martedì 18 marzo 2014

Incontri nelle frazioni: San Domenico



E’ la prima volta che viene fatto un incontro con un Candidato Sindaco al Circolo Le Lune di San Domenico e la popolazione ha risposto molto bene, con una nutrita presenza. Sono stati prospettati sia i problemi della zona ma anche quelli del territorio comunale.
San Domenico vive una situazione di frontiera essendo la porta di accesso a Fiesole dalla confinante Firenze. Ma non va dimenticato che qui sono presenti due grandi istituzioni culturali quali la Scuola di Musica e l’Istituto Universitario Europeo su cui gira una buona parte dell’attività e della vita del luogo.

 Anche le domande dei presenti sono influenzate da queste due presenze: si parla qui della Linea 7 dell’ATAF che non raggiunge più la Stazione, creando disagi a non finire agli studenti di entrambe le Scuole ma si parla anche della mancanza di iniziative volte all’integrazione di questa fascia di studenti e ricercatori che sono da coinvolgere maggiormente nella vita della città.
Su questi temi mi sento di prendere un grosso impegno: individuare con ATAF le modalità di ripristino del collegamento con la Stazione, senza che questo porti alcuna diminuzione di linee in altre parti del nostro territorio, e cercare tutte le modalità per rendere Fiesole attrattiva per i giovani presenti in questa realtà.

La discussione spazia poi su problemi più ampi, come le problematiche sull’edilizia scolastica, le opere pubbliche del capoluogo in parte non ancora terminate, ma anche sulla mancata trasparenza dell’attuale Amministrazione e sulle motivazioni che mi hanno spinto a propormi come Sindaco di questa città.
E’ bello veder che le persone hanno voglia di partecipare, di dire la sua, di proporre: questa è un’altra prova che i cittadini ci sono e che non vogliono essere governati dalla Segreteria di un Partito.

venerdì 14 marzo 2014

Incontri nelle frazioni: Olmo


 
 

Incontro molto partecipato anche all’Olmo con una venticinquina di persone presenti al Circolo.
Si comincia con un piccolo ma grande problema che purtroppo accomuna tante, troppe frazioni del territorio fiesolano, quello della mancata copertura dei cellulari e dell’ADSL. Nel 2014 è veramente difficile vivere senza Internet, sia per le strutture ricettive (agriturismi e bed & breakfast) che ci sono in zona, ma anche per giovani e meno giovani che utilizzano questo strumento per studiare o per lavorare.

Su questo ho precisato, come ho sempre fatto, che l’impegno sarà massimo nel sollecitare soluzioni rapide, visto che anche il Governatore Rossi si è impegnato a fare della Toscana una regione totalmente coperta da questi servizi entro il 2015.

A domanda precisa di alcuni cittadini, ho poi detto che la mia Amministrazione vorrà appoggiare e appoggiarsi all’associazionismo locale, che qui all’Olmo è particolarmente attivo, soprattutto per quel che riguarda la valorizzazione del territorio. In questa zona, la volontà è quella di creare un anello di sentieri con al centro l’Olmo, che passi anche per il Ponte di Annibale, la sorgente dell’Acquinvogliolo le sorgenti di Montereggi ritrovando tutto il vecchio percorso delle acque. E  sicuramente non mancherà il  supporto a iniziative come le varie feste che vengono fatte nella frazione e che spesso rispolverano vecchie tradizioni, con un grandissimo successo.

 

martedì 11 marzo 2014

Incontri nelle frazioni: Maiano

 



Incontro pomeridiano quello dell’11 marzo nella frazione di Maiano, con una ventina di persone presenti, che hanno esposto i problemi della zona.
Maiano è una frazione non molto popolata e immersa nel verde per cui le necessità del mantenimento del territorio si rifanno principalmente alla manutenzione dei sentieri e alla pulitura delle zanelle nella strada.

La riqualificazione dei sentieri potrebbe dare nuova linfa al parco di Montececeri, e Maiano potrebbe diventare la porta di accesso al Parco puntando sul turismo naturalistico, che non è invasivo e che può portare molti benefici anche economici. Tutto questo può essere fatto con l’aiuto delle Associazioni naturalistiche ed escursionistiche, alle quali potrebbe essere affidato anche il mantenimento dei sentieri e dei percorsi, come già succede in Comuni a noi vicini.
Sarebbe anche bello creare un  laboratorio della pietra serena, dove si spiega alle persone quale era il lavoro degli scalpellini che vivevano a Maiano finché la cava non si è esaurita.

 

venerdì 7 marzo 2014

Incontri nelle frazioni: Montebeni



Tanti i piccoli ma significativi problemi segnalati nell’incontro del 7 marzo a Montebeni con la popolazione.
Primo elemento la pericolosità delle strade che, unito alla mancanza di un marciapiede e di un dissuasore della velocità rende difficile la vita per i pedoni. Ma anche gli automobilisti si lamentano per le pessime condizioni dell’asfalto e per l’incuria della strada che va a Settignano.  L’impegno che mi sono presa è quello di coinvolgere il Comune di Firenze, proprietario delle strade di cui si parla, per migliorarle e metterle in sicurezza.

Altro problema: la mancanza di copertura per i cellulari. Anche questo è un problema che non riguarda direttamente il Comune, ma l’Amministrazione dovrà sostenere i cittadini nella richiesta ai gestori di telefonia per estendere la copertura.
Come hanno detto i molti cittadini presenti, Montebeni usufruisce più dei servizi di Firenze che di Fiesole e, in definitiva, è una frazione dove si vive abbastanza bene: proviamo a parlare di più con il Comune di Firenze e forse facciamo un regalo, senza grossi impegni e investimenti, a questi nostri concittadini.

martedì 4 marzo 2014

Incontri nelle frazioni: Ponte alla Badia



 
 
Bello e partecipato l’incontro di martedì 4 marzo al Circolo Risorgimento di Ponte alla Badia. Una trentina le persone presenti che hanno fatto domande sui problemi relativi alla frazione e al Comune in generale.

Una delle questioni più gettonate è stata quella degli allagamenti causati dalla cattiva manutenzione dei campi e della rete fognaria.  Le persone presenti hanno fatto notare che appena viene meno la manutenzione le loro case e la via pubblica, vanno sott’acqua.

In futuro grazie all’attenzione che l’Amministrazione rivolgerà all’agricoltura, il cui rilancio è uno dei punti cardine del programma, anche il rischio idrogeologico sarà più contenuto.

E’ anche emerso un interessante studio sull’antico sistema fognario della zona di Fiesole, ora totalmente abbandonato, che potrebbe portare, qualora fosse ripristinato, sia a risolvere il problema delle acque piovane sia a diventare un’attrazione turistica insieme all’acquedotto romano.

Maggior attenzione alle frazioni: questa è la mia, la nostra promessa!

lunedì 3 marzo 2014

RIFIUTI: I CITTADINI VOGLIONO DECIDERE



La raccolta dei rifiuti è diventata una vera e propria spada di Damocle sulla testa dei cittadini di Fiesole. Il Comune ha imposto il porta a porta a Fiesole, Pian del Mugnone e Caldine senza sentire minimamente le ragioni della popolazione.

Anche noi siamo per il riciclo (non ci sono alternative) e addirittura speriamo di arrivare a Rifiuti Zero, ma non passando sulla testa dei cittadini. Nelle assemblee organizzate dall’Assessore per spiegare le modalità della raccolta, c’è stata una sollevazione popolare contro la decisione del Comune e sul momento l’Assessore sembrava voler ripensare il tutto, ma solo il giorno dopo è tornato sui suoi passi.

Noi chiediamo una sola cosa all’attuale Amministrazione: FERMATEVI!

venerdì 24 gennaio 2014

Insieme per parlare di ... urbanistica

Ultimo incontro in preparazione del programma elettorale.

Negli incontri che abbiamo fatto fino ad oggi, molti cittadini hanno espresso le loro idee e le proposte per Fiesole. 
Ora è il momento di parlare di urbanistica.
Vieni a dire la tua?

Ti aspettiamo Venerdì 24 gennaio alle ore 21,00 all'Hotel Aurora.





giovedì 16 gennaio 2014

A proposito delle spese del Comune

La nostra Amministrazione Comunale continua ad assumere impegni di spesa senza un nesso logico.

Spendere circa € 3.500,00 di denaro pubblico per l'abbonamento ad un periodico telematico mi sembra eccessivo e fuori luogo.

Con le Determinazione del Dipartimento delle Risorse, Atti n.10 e n.11 del 13/01/2014, il Responsabile, impegna una spesa per un importo di € 3.314,74 con la CELCOMMERCIALE s.r.l. di Bergamo per rinnovare un abbonamento con PAWEB.it, acquisto di "Mini books", bollettino informatico Finanza e Tributi, banche dati on-line, acquisto software per il Consuntivo 2013.

A parte il fatto che di tutti i tipi di abbonamento che la Società offre è stato scelto il top e di conseguenza il più caro economicamente. Ma non si capisce perchè spendere in questo modo denaro di noi cittadini e non utilizzare, per lo stesso fine, le varie Associazioni (ANCI, USCI, ANUSCA, ANUTEL e Lega delle Autonomie Locali) di cui il Comune di Fiesole è socio.

Domande che rimarranno senza risposta, perché questa Amministrazione non ci vuole sentire.

Giuseppe TEOLIS

lunedì 13 gennaio 2014

parliamo di ... Servizi al cittadino

Venerdì 17 gennaio presso il "Centro Incontri" di Compiobbi  incontro sul tema "Servizi al cittadino: sicurezza, viabilità, formazione, sociale ecc.


Vi aspetto per parlarne insieme e ricevere le vostre idee, opinioni, suggerimenti.

Costruiamo insieme il programma amministrativo.